Si avvicina il primo impegno ufficiale della stagione 2019/2020 per il Rapallo Pallanuoto. Il prossimo fine settimana scatterà infatti la prima fase della Coppa Italia femminile.

Due, i concentramenti. Le gialloblu sono inserite nel girone B, che si giocherà a Firenze. Di fronte troveranno, oltre alle padrone di casa della RN Florentia, Bogliasco 1951, la neo promossa in massima serie Vela Nuoto Ancona e la SIS Roma che si è aggiudicata il trofeo lo scorso anno, al termine di una finale molto combattuta giocata proprio contro il Rapallo.

Il girone A, che si disputerà a Padova, vedrà invece affrontarsi Plebiscito Padova, NC Milano, L’Ekipe Orizzonte, CSS Verona e Pallanuoto Trieste. Le prime tre classificate di ogni girone accederanno alla Final Six in programma a dicembre.

 

Il Rapallo, squadra giovane e in larga parte rinnovata, è al lavoro per prepararsi al meglio ad affrontare le sfide di Coppa Italia. Il tecnico Luca Antonucci ha potuto valutare la condizione delle gialloblu nel torneo di Padova, quadrangolare che nel weekend appena trascorso ha visto scendere in campo Rapallo, Plebiscito, Milano e le ungheresi del Ujpest.

Leggi anche:  Rapallo, l’ascensore fantasma si fa sentire

 

«Il livello del torneo era molto alto ed era per noi la prima competizione giocata con le nuove regole – sottolinea Antonucci – Contro l’Ujpest, che è campione d’Ungheria, abbiamo perso per un solo gol di scarto, quindi è andata sicuramente bene. Non altrettanto si può dire del match contro Milano: abbiamo aver retto per tre tempi ma il quarto parziale è stato decisamente negativo per noi. L’ultimo giorno, contro il Padova, la fatica si è fatta sentire: d’altro canto c’è ancora moltissimo da lavorare sul piano fisico oltre che su quello tattico». Le prime impressioni sono comunque positive: «C’è tanto entusiasmo, l’età media si è ulteriormente abbassata rispetto allo scorso anno ma la squadra è equilibrata nei ruoli e i margini di crescita sono ampi – prosegue Antonucci – Il torneo di Padova non può essere troppo indicativo, ho avuto la squadra al completo a disposizione praticamente il giorno prima del quadrangolare e la rosa conta sei nuove giocatrici: ci vorranno tempo e pazienza per vedere i primi risultati. La Coppa Italia dovrebbe dare indicazioni più approfondite».