Natale in vetta. Non è il titolo dell’ultimo cinepanettone, ma il riassunto del pomeriggio da batticuore di ieri, che a Sori vede la Pro Recco superare il Brescia per 12-11. Girandola di emozioni e gol vincente siglato da Di Fulvio a 13 secondi dalla fine. La squadra di Rudic aggancia così i lombardi in testa alla classifica nell’ultima gara del 2018.

Pro Recco – Brescia 12-11

Parte ad handicap la Pro Recco sotto di due gol nella prima metà di tempo: Christian Presciutti da posizione 3 e l’ex Figlioli superano Tempesti. I biancocelesti trovano il gol solo alla prima superiorità con Renzuto Iodice. Il pareggio non arriva e a undici secondi dalla sirena il Brescia segna ancora con Rizzo: il numero 6 sfrutta la sosta nel pozzetto di Velotto e avanza indisturbato fino alla conclusione vincente.

In avvio di secondo tempo Di Fulvio sbatte sul palo, Gallo al secondo uomo in più fa 1-4 da posizione 2. La Pro Recco reagisce rabbiosa e agguanta il pari con i dardi avvelenati di Mandic (in superiorità), Ivovic e Molina. La voglia di sorpasso è raffigurata nella palla rubata da Di Fulvio al Brescia che getta l’occasione con l’uomo in più: il numero 2 serve Figari che trova il diagonale perfetto a 50 secondi dal cambio campo. Emozioni a non finire e Brescia che a dieci secondi dalla sirena pareggia con la palombella di Rizzo da posizione centrale.

Si riparte e il Brescia sorpassa i biancocelesti con il secondo gol di Figlioli da distanza siderale. La pareggia l’incursione di Echenique premiato dall’assist di Ivovic. Entra Massaro nella Pro Recco, ma il match rimane elettrico: Bertoli segna, poi va nel pozzetto ed Echenique fa 7-7. Il Brescia scappa ancora sul +2 nel giro di un minuto e mezzo: Figlioli con l’uomo in più da posizione 3 e Nicholas Presciutti fanno esultare la panchina bresciana. Che però perde la pazienza e due uomini, il team manager Dian e l’allenatore Bovo, espulsi da Severo. La Pro Recco ha la forza di pareggiarla con l’alzo e tiro di Di Fulvio e il gol a due secondi dalla sirena di Aicardi con l’uomo in più.

Leggi anche:  L'Entella non punge a Vercelli

Ultimi otto minuti carichi di tensione. Si segna solo in superiorità: Ivovic imbeccato da Di Fulvio, Gallo da posizione 1, Aicardi in elevazione dal centro. Nervosismo palpabile ed elenco degli espulsi che si allunga con il team manager della Pro Recco Deserti e il capitano lombardo Christian Presciutti, fuori per proteste. Gallo a venti secondi dalla sirena pareggia i conti battendo Massaro sul palo corto. Finita qui? Nemmeno per sogno, perché la Pro Recco ha Di Fulvio: Gallo gli fa fallo lasciando autostrada libera per il suo tiro vincente a 13 secondi dal gong. La Comunale di Sori esplode, il 12-11 è il risultato definitivo che vale l’aggancio in vetta.

“Abbiamo cominciato male la partita – commenta mister Rudic a fine partita – non abbiamo giocato in difesa come dovevamo, prendendo gol facili. Questa vittoria ha un grande valore per noi, adesso entriamo in una seconda fase più tranquilla: questa gara ci servirà per migliorare alcuni meccanismi”.