La colpa del rinvio della sentenza del Tar, prevista per la giornata di oggi, e posticipata a dopo il 23 ottobre è colpa della Virtus Entella.

La società biancoceleste non ha impugnato i provvedimenti con i quali Ficg e Lega B non avevano accolto l’istanza di riammissione in Serie B dopo la decisione del collegio di garanzia del Coni

A sostenerlo è la Lega di Serie B che spiega come lo slittamento è dovuto al fatto che la società biancoceleste non ha impugnato i provvedimenti con i quali Ficg e Lega B non avevano accolto l’istanza di riammissione in Serie B dopo la decisione del collegio di garanzia del Coni. Il club di via Gastaldi avrebbe dovuto impugnare la previsione del campionato a 19 squadre. Non avendolo fatto, secondo la Lega di Serie B, la decisione del Tar sul provvedimento del collegio di garanzia per la vicenda Cesena non rivestiva più i caratteri dell’urgenza. “Figc e Lega B – si legge nel comunicato stampa diramato dalla Lega di Serie B – avevano formalmente comunicato alla Virtus Entella che la richiesta di ammissione a partecipare al campionato di B non poteva essere accolta perché le squadre partecipanti sono 19”.