Giordano Belardinelli si presenta cosi:

“Nasco come prima punta, ruolo che ho ricoperto nel settore giovanile, poi crescendo mi sono spostato sempre più indietro. A Siena, mi hanno trovato la posizione ideale, tra il centrocampo e l’attacco, ideale per le mie caratteristiche: mi sento assolutamente un trequartista”.

Il nuovo acquisto del Rapallo Rivarolese prenota la maglia numero 10 e promette qualità e fantasia.

Nell’ultima stagione, ha giocato vicino a casa sua, all’Astrea. E’ la sua prima esperienza in Liguria:

“Il presidente (Maurizio Verrini, ndr) è una persona davvero squisita, mi ha subito spiegato e messo al corrente di questo progetto appena nato: mi ha descritto l’ambiente e la situazione – dice ancora Belardinelli – è’ una squadra competitiva che cercherà di vincere il campionato, cosa davvero molto positiva e che mi ha ulteriormente convinto a venire qui al Rapallo. Non ho mai avuto il piacere di incontrare nessuno dei miei nuovi compagni, sarà una nuova avventura sotto tutti gli aspetti. Corsa e sudore, darò tutto me stesso per il Rapallo, società che mi ha dato la fantastica opportunità di giocare in un campionato ligure, al nord, dove si respira un altro calcio. Sono orgoglioso di essere qui e non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura”.

Belardinelli è anche un giocatore di beach soccer, arrivato a vestire anche la maglia azzurra al fianco di ex campioni come Delvecchio, Di Livio, Ganz e tanti altri ancora.

“Rapportarmi con giocatori che hanno calcato scene importanti e vinto a livelli altissimi è fantastico – assicura il neo acquisto del Rapallo Rivarolese – con aneddoti e suggerimenti mi hanno fatto crescere come uomo e come giocatore, dentro e fuori dal campo. C’è solo da imparare da un’esperienza del genere”.