Da Lavagna, alla promozione in Serie A con il Lecce. Protagonista Alessandro Bulfoni, classe 1973, ex preparatore atletico della Lavagnese, della Virtus Entella e del Centro Riattiva di Lavagna. Con la gloriosa società gialloblu pugliese, si è conquistato il salto nella massima serie.

Bulfoni si racconta

“La mia storia è iniziata nel 2000 nelle giovanili della Samp – ricorda Bulfoni – poi sono entrato in Riattiva, il centro di riabilitazione di Lavagna convenzionato col Genoa e ho avuto l’opportunità di conoscere Paolo Barbero, rieducatore del Genoa, Gianni Brignardello, già preparatore della Primavera della Sampdoria di Bollini, Mario Cuzzilla e Domitilla Zolezzi, che mi hanno insegnato tutto sul recupero infortunati, sulla rieducazione e sulla riatletizzazione”.

Cosi è iniziata la sua carriera nel mondo del calcio dilettantistico:

“Nel 2009 sono andato a Busalla in Eccellenza, dal 2010 ho fatto tre anni a Lavagna in D con Andrea Dagnino. Poi sono tornato a lavorare a Genova e poi sono passato all’Entella a Chiavari, occupandomi per due anni del recupero infortunati, infine l’anno scorso al Ligorna con Luca Monteforte, tecnico di altissimo livello e persona di spessore”.

Ora, la sua più grande soddisfazione con il Lecce, dalla serie B alla A:

“Devo ringraziare Maurizio Cantarelli che è stato preparatore atletico di Liverani fin dai tempi del Genoa: lui e il mister hanno pensato a me per il recupero degli infortunati e quando mi hanno chiamato non ho esitato ad accettare” specifica Alessandro Bulfoni.

Ora lo attende la serie A.