“E’ grande la nostra soddisfazione per le centinaia di firme raccolte nei nostri gazebo a sostegno dell’idea di realizzare nuove spiagge libere in Rapallo”  così commentano i membri di “Libera Rapallo” e  “Rapallo Civica” dopo la raccolta firme.

Spiagge libere, il progetto di Libera Rapallo e Rapallo Civica

“Il relativo progetto è nei cassetti degli uffici comunali dal Novembre 2013 e abbiamo voluto darne diffusione.

Un progetto di ripascimento della linea di costa in corrispondenza della passeggiata a mare, per poter incrementare lo sviluppo lineare delle spiagge libere dall’attuale 18% del fronte balneabile al 32% ed avvicinarsi quindi a quel 40% previsto dalla LR 13/1999 e dal Piano di Utilizzo Demaniale del nostro Comune.

Un ripascimento attuabile anche in corrispondenza degli stabilimenti balneari privati in concessione verso Levante, per creare nuove ricettività ed occasioni di sviluppi infrastrutturali a vantaggio della comunità.

Pensiamo che questo sia il momento migliore per parlare di spiagge libere:

– i danni subiti dalla mareggiata dello scorso fine Ottobre, che obbligano ad eseguire interventi di ripristino della costa e ad un dragaggio o pulizia del nostro golfo;

– la quasi certa proroga, in deroga alla direttiva Bolkestein, di 15 anni (Europa permettendo) per le concessioni demaniali degli stabilimenti balneari esistenti che potrebbero pensare a nuovi investimenti, visto il tempo di rientro rappresentato dagli anni di proroga;

– il finanziamento per il triennio 2019/2021 di 333 milioni di euro concessi dal Governo centrale a vantaggio di Regione Liguria e nell’ambito dell’iniziativa ProteggItalia per il contrasto al dissesto idrogeologico e l’esecuzione delle opere di ripristino del litorale post mareggiata autunnale, rappresentano le situazioni/condizioni ideali per pensare ad un Progetto di sistema al fine di attuare nel nostro Comune una serie di interventi coordinati nel tempo e tra essi complementari per:

Leggi anche:  Viabilità e migranti, gli incontri a Cogorno

1 – eliminare il rischio idrogeologico del nostro Territorio a partire dalla totale messa in sicurezza del Torrente San Francesco fino al ponte dell’autostrada e per il cui intervento l’attuale Amministrazione ha, inspiegabilmente, rinunciato alla richiesta dei fondi di Italia Sicura stanziati dai Governi nazionali precedenti;

2 – dragare il fondo del nostro Golfo le cui stratificazioni dovute alla violenta mareggiata ne hanno limitato il pescaggio e potenzialmente compromesso la balneabilità;

3 – sistemare, con nuove opere, il litorale danneggiato;

4 – e, complemento del tutto, realizzare le spiagge pubbliche di cui alla nostra iniziativa.

Un tavolo di lavoro tra più soggetti ed Enti per una visione d’insieme, da realizzarsi nel medio periodo, che traguarda al futuro e che pone le basi di una reale trasformazione della nostra Città la quale non deve accontentarsi di una veloce “ricomposizione dei cocci” che la farebbe ritornare alla situazione cristallizzata e senza ambizioni, degli ultimi decenni.

Libera Rapallo e Rapallo Civica, promuovono questa visione attraverso il sostegno alla candidatura di Andrea Carannante alla carica di Sindaco per le prossime Elezioni Comunali.

Aiutateci con il vostro consenso a realizzare questi sogni e a sostenere i nostri impegni”

Segue un breve video di sintesi sulla nostra iniziativa di raccolta firme.