Oggi pomeriggio, durante la seduta congiunta della I e IV Commissione, è stata illustrata dal consigliere regionale Giovanni De Paoli la proposta di legge recante disposizioni in materia di balneazione fluviale e lacuale.

Ad illustrarla il consigliere regionale Giovanni De Paoli

Come spiega il consigliere, promotore del provvedimento, l’intenzione primaria è quella di favorire la balneazione lungo i corsi d’acqua e i piccoli laghi della nostra Regione che, pur avendo una forte e indiscutibile vocazione turistica marittima e costiera, può puntare anche sulla valorizzazione dell’ambiente fluviale e lacuale come valida alternativa alle affollate località della costa. Sono in aumento le persone, turisti e residenti, che scelgono le rive dei fiumi e dei laghi per rilassarsi o praticare sport durante la stagione estiva e questo porta necessariamente alla realizzazione di interventi che, nel rispetto dell’ambiente, favoriscano il recupero di aree del nostro entroterra.

“La legge – afferma De Paoli – nel rispetto dei principi europei e nazionali per la tutela della sicurezza e salute umana, contiene disposizioni di vario tipo, principalmente indirizzate ad individuare le aree destinate alla balneazione e a garantire sicurezza e una corretta informazione al pubblico, come accade per le spiagge. In un’ottica di sviluppo e tutela del territorio, nel testo del progetto di legge, è prevista una norma che contempla la concessione di contributi regionali per la realizzazione di iniziative e progetti di Comuni o loro consorzi pubblici, oppure con la partecipazione di privati, che abbiano come obiettivo il miglioramento e il recupero ambientale delle aree demaniali destinate alla balneazione e alla crescita del turismo con ricadute positive anche sul piano occupazionale.”