E’ stata presentata ufficialmente, a Moneglia, la lista “Il Faro” a sostegno del sindaco Claudio Magro. Nel corso dell’incontro – immediatamente successivo a quello poco prima tenuto da Giovanni Vernengo e dalla lista “Insieme per Moneglia – sono state inoltre illustrate ai cittadini le linee guida del programma che l’Amministrazione uscente intende portare avanti in caso di vittoria alle elezioni del 26 maggio prossimo.

Presentata la lista a sostegno di Claudio Magro

Questi i nomi dei dieci candidati al Consiglio Comunale: Mattia Botto, Mara Chiappella, Giulia Dezza, Gianni Fioravanti, Santo Garattini, Massimiliano Guazzoni, Franco Marcone, Enrico Ravettino, Elisa Scarfì, Leandro Sperini.

“Ci ripresentiamo ai monegliesi – ha dichiarato il sindaco Magro – con una squadra coesa, caratterizzata da un mix di esperienza e rinnovamento, composta da cinque consiglieri uscenti e cinque nuovi candidati, dieci persone che con impegno hanno condiviso e condividono gli obiettivi del nostro programma: vivibilità, qualità ambientale, crescita economica, presidio e riqualificazione del territorio, attenzione alle frazioni. Chiediamo ai cittadini la fiducia per il mandato 2019-2024, convinti che l’azione amministrativa adottata sino ad oggi possa essere un sicuro punto di riferimento anche per i prossimi anni”.

“Con la nostra Giunta – ha proseguito Magro – Moneglia ha conosciuto un importante sviluppo turistico, che abbiamo sempre cercato di incanalare verso la creazione di nuove occasioni di lavoro, all’interno di una politica di vivibilità del territorio che ha portato buoni risultati. L’inserimento tra i ‘Borghi più belli d’Italia’, reso possibile dal rispetto rigoroso di determinati parametri urbanistici e ambientali, ha portato a Moneglia lustro e visibilità, da ultimo con la partecipazione a programmi di rilievo della RAI. Questo, assieme alla Bandiera Blu di cui Moneglia detiene il record a livello nazionale per numero di assegnazioni, sarà un ulteriore volano affinché il nostro borgo e le sue frazioni possano essere ulteriormente conosciuti ed apprezzati in Italia e non solo”.

“Un altro punto centrale della nostra azione – ha sottolineato ancora Claudio Magro – è stata la cura e manutenzione del territorio: in questa direzione sono andati importanti interventi quali, ad esempio, la riqualificazione della passeggiata a mare, già finanziata e che ci proponiamo di completare nel prossimo mandato, e della passeggiata bassa di S. Elmo. Abbiamo inoltre ottenuto dalla Regione la validazione idraulica del progetto relativo al bacino del San Lorenzo, comprensivo della passeggiata a sbalzo sulla sponda del torrente. Quest’opera, per cui ci siamo fortemente impegnati, è fondamentale ai fini della messa in sicurezza idrogeologica del nostro territorio: il primo lotto dovrebbe essere ragionevolmente finanziato entro il 2019 con i Fondi Europei di Sviluppo Regionale. Altri due interventi di grande importanza che abbiamo in programma sono l’adeguamento antisismico dell’edificio scolastico, già finanziato e i cui lavori si svolgeranno nelle estati 2019 e 2020, e l’ammodernamento della strada delle gallerie, con un primo stralcio già concesso dalla Regione con 500.000 euro per il ripristino del segnale telefonico su tutta la tratta e l’attivazione di un monitoraggio continuo sulla sicurezza strutturale”.

Leggi anche:  Accattonaggio molesto a Recco: due ordini di allontanamento. "Dietro l'ombra del racket?"

“Per quanto riguarda le frazioni – ha detto ancora il sindaco Magro – proseguiremo con la riqualificazione dei centri storici e con la messa in sicurezza delle strade di collegamento, con lavori diffusi di allargamento, illuminazione, asfaltatura e posizionamento di guardrail”.

“Assieme a ciò – ha concluso – continueremo a puntare e rafforzeremo le politiche legate all’assistenza e ai servizi per le famiglie, per le persone bisognose, per i bambini, alla cura del verde, alla manutenzione degli impianti sportivi, al recupero dei terreni agricoli, alla promozione dei prodotti d’eccellenza del territorio, agli eventi culturali. Tanto abbiamo fatto e molto resta ancora da fare: chiediamo ai cittadini la fiducia per poterlo realizzare”.