Nel Consiglio dei Ministri di oggi si discuterà sul decreto Genova che prevede provvedimenti urgenti per l’emergenza del crollo Morandi.

Nella notte lunga telefonata tra Toti e Conte

Il decreto Genova prevede un pacchetto di norme speciali che costruiranno una figura, dotata di poteri eccezionali, che guiderà e tirerà tutte le fila della ricostruzione. Prevista anche anche l’istituzione di una Zes, una zona economica speciale e una zona logistica speciale per il porto che prevede sconti e agevolazioni, non solo per le imprese.

Scelte che hanno fatto storcere il naso al presidente Giovanni Toti perché non sono state discusse prima insieme. Dopo una lunga telefonata di chiarimento nella notte tra il presidente della Regione Toti e il presidente del consiglio Giuseppe Conte sul decreto Genova sono arrivati i chiarimenti da parte del Governo. Il premier ha spiegato al governatore i principali contenuti del provvedimento che vorrebbe portare nel pomeriggio durante il Consiglio dei Ministri. Toti ha fatto alcune osservazioni che sono state ascoltate dal presidente Conte. I contatti tra piazza De Ferrari e Palazzo Chigi proseguiranno fino all’ultimo per limare i dettagli del decreto.