Il deputato ligure Roberto Cassinelli è intervenuto oggi alla Camera sulla situazione d’emergenza dopo il crollo del ponte Morandi.

“Occorre prevedere l’istituzione di Zone Franche Urbane con programmi di defiscalizzazione e decontribuzione rivolti alle imprese”

“Il crollo del ponte Morandi ha portato indietro l’orologio del tempo a Genova agli anni ’60. Serve subito una legge speciale che preveda idee per la demolizione dei tronconi rimasti in piedi e per la ricostruzione del nuovo viadotto autostradale. Occorre prevedere l’istituzione di Zone Franche Urbane con programmi di defiscalizzazione e decontribuzione rivolti alle imprese e, contestualmente, prevedere delle Zone Economiche Speciali, come previsto per il Mezzogiorno con il Decreto del Presidente del Consiglio del 26/2/2018, per agevolazioni fiscali, finanziarie e semplificazioni amministrative”, ha detto l’onorevole Roberto Cassinelli di Forza Italia nel suo intervento alla Camera. “Qualsiasi decisione si prenda, l’importante è che non ritardi neppure di un minuto l’avvio dei cantieri per la ricostruzione del ponte. E si facciano, ancora più rapidamente, le grandi opere come Gronda e terzo Valico”. Cassinelli ha concluso chiedendo al governo di assegnare al governatore ligure Giovanni Toti l’incarico di Commissario straordinario per la ricostruzione.