Nei giorni scorsi Guido Stefani ed i candidati di Officina Lavagnese hanno incontrato l’Associazione Franco Pucciarelli, L’Associazione Karol Wojtyla Onlus e Unitre (Università delle tre età) per presentare il programma elettorale ed ascoltare le problematiche e i progetti delle diverse associazioni.

L’incontro

In particolare l’Associazione Franco Pucciarelli, che opera ormai da moltissimi anni in campo musicale con corsi di musica e di canto corale rivolti soprattutto ai più giovani, ha evidenziato il problema di una sede troppo piccola ed inadatta ad accogliere i giovani studenti e la poca attenzione dell’ente pubblico alle iniziative dell’associazione. Stefani ha sottolineato l’importanza di mettere in rete le diverse esperienze nel campo della musica (Associazione Pucciarelli, Banda cittadina, scuola elementare e media) per creare un’offerta formativa sempre più varia ma al tempo stessa più collaborativa, valorizzando il più possibile le varie esperienze. Il candidato sindaco si è anche impegnato a reperire all’interno della scuola elementare spazi adeguati alle esigenze dell’Associazione.

Con l’Associazione Karol Wojtyla, che si occupa sia di assistenza ai malati affetti dal morbo di Parkinson e di comunicazione e ricerca nel campo delle neuroscienze, si è approfondito il tema dell’assistenza ai malati, dell’aiuto di tipo psicologico a livello familiare, delle problematiche che i disabili devono affrontare a causa delle barriere architettoniche. Stefani ha sottolineato come la costituzione di una Consulta per l’assistenza e la famiglia, in grado di mettere insieme tutte le associazioni che si occupano di assistenza, potrebbe permettere di dare risposte più efficaci ai bisogni dei cittadini più deboli (Carta dei servizi, progetti per l’abbattimento delle barriere architettoniche…)

Leggi anche:  Lavori alle gallerie di Sant'Anna, Traversi conferma gli sconti sui pedaggi autostradali

Unitre ha presentato la grande attività svolta in questi sei anni di presenza a Lavagna in campo culturale e formativo: ogni anno oltre venticinque corsi diversi che vanno dalla letteratura, alle lingue straniere, alla cinematografia, al disegno, al canto, alla grafologia, e i numerosi eventi pubblici e le gite d’istruzione. L’attività è rivolta non solo ai cittadini lavagnesi, ma anche a tutto il comprensorio, con una grande partecipazione. Nell’esprimere il proprio plauso all’attività svolta da Unitre, Stefani ha ribadito l’importanza che tali iniziative rivestono per la città ed il territorio sia da un punto di vista formativo e di coesione sociale, sia perché la creazione di eventi culturali di livello elevato possono diventare anche occasione di attrazione turistica e di sviluppo per la città.