Si allunga sempre più la lista di Comuni del Levante dove è stata presentata una mozione contro la concessione di spazi pubblici alle manifestazioni di stampo fascista, è il turno di Lorsica.

Mozione antifascista a Lorsica

Questa mattina è stata depositata nel palazzo municipale di Lorsica la mozione indirizzata al Sindaco Aulo De Ferrari circa il grave fenomeno di rinascita di gruppi di ispirazione nazifascista. La mozione a firma dei Consiglieri comunali Gianni Dondero, Maria Agnese Botto e Sergio Podestà del gruppo consiliare “Insieme per Lorsica” intende far approvare nel prossimo Consiglio comunale il divieto assoluto di assegnare spazi o luoghi pubblici a gruppi o movimenti di ideologia nazista, fascista, razzista e omofoba e la ferma condanna per il riemergere di tali ideologie.

«Il Comune di Lorsica pagò molto le avversità nazifasciste con la distruzione della frazione di Barbagelata e la fucilazione di molte persone», sottolinea il consigliere Gianni Dondero, capogruppo di “Insieme per Lorsica”, nel rendere nota la presentazione della mozione, ultima di una lunga serie di iniziative analoghe ispirate da quella di Sestri Levante, in seguito alla quale il Sindaco Valentina Ghio ha anche ricevuto cartoline di minaccia di stampo neofascista.

Leggi anche:  Barbagelata, fungaiolo disperso