Ponte Morandi, mozione in Regione dei consiglieri Paolo Ardenti e Alessandro Puggioni (Lega); autostrade liguri gratis per tutti i mezzi di soccorso e di trasporto socio-sanitari.

Autostrade gratis da Ventimiglia a Sarzana

“Autostrade liguri gratis, da Ventimiglia a Sarzana, per tutti i mezzi di soccorso e di trasporto socio-sanitari operanti sul nostro territorio. Anche oltre il periodo contingente e gravissimo causato dal crollo del Ponte Morandi. Non si tratta solo di una questione di buonsenso. Ma di umanità verso i cittadini del territorio duramente colpiti e rimasti sotto choc per la tragica vicenda”. E’ la richiesta del gruppo regionale della Lega che oggi ha predisposto una mozione sottoscritta dal vice capogruppo Paolo Ardenti e dal consigliere Alessandro Puggioni.

“Con questo documento, che martedì prossimo sarà discusso durante il consiglio regionale convocato in seduta straordinaria insieme al consiglio comunale di Genova intendiamo impegnare la giunta a chiedere al governo di adottare le misure necessarie affinché l’esenzione sia mantenuta e assicurata da tutti i gestori delle reti autostradali liguri. Il Governo ha già preteso l’effettiva applicazione delle circolari ministeriali per garantire la gratuità dei pedaggi ai mezzi utilizzati, anche per i servizi ordinari”.

Leggi anche:  Emergenza lupi, il dibattito in Regione

Secondo i consiglieri regionali della Lega, dal 2015, Società Autostrade ha sospeso l’esenzione del pedaggio ai mezzi delle Pubbliche Assistenze che effettuano lo specifico servizio di soccorso/trasporto gratuito dei malati, disattendendo pronunce sul merito della Corte di Giustizia Europea e del Consiglio di Stato. “Compromettendo in questo modo, operatività e sopravvivenza di realtà che esplicano un prezioso, essenziale servizio pubblico sul territorio. Inoltre, attraverso la mozione intendiamo impegnare la giunta a chiedere al governo di verificare che Società Autostrade abbia effettivamente garantito nei giorni seguenti al crollo del Ponte Morandi e quindi continui a garantire la gratuità dei pedaggi a tutti i mezzi di soccorso e di trasporto socio-sanitari nel tratto di Genova, così duramente colpita da questa sciagura”.