Nei giorni scorsi Guido Stefani e gli altri candidati della lista Officina Lavagnese hanno incontrato i soci delle associazioni lavagnesi Società Operaia di Mutuo Soccorso Tomaso Sanguineti, l’Agorà e gli Amici del Brunzin presso la storica sede di via Roma.

Guido Stefani e l’abbattimento delle Barriere architettoniche

Nell’antica sede della Società di mutuo soccorso, fondata nel 1874, circondati da antichi ritratti di illustri cittadini lavagnesi, di attestati e riconoscimenti ed altri cimeli della storia di Lavagna, i partecipanti si sono confrontati sui temi riguardanti le attività culturali e benefiche svolte dalle tre associazioni dalle più antiche a quelle più recenti: la scuola di disegno e di scultura, le attività letterarie e musicali, la sempre nuova realizzazione del presepe del Brunzin e le iniziative nel giardino della Torre, il sostegno alle famiglie operaie, l’impegno verso le varie forme di disabilità e le raccolte per scopi benefici. Stefani ha sottolineato come l’impegno delle associazioni sia fondamentale non solo per mantenere vivo il ricordo della storia e delle tradizioni ma anche per costruire il presente della città: Non può esistere comunità senza la memoria della sua storia.

Leggi anche:  Lavagna, addio a Patrizio Callao

Il candidato sindaco ha ribadito l’impegno per promuovere le attività culturali della città favorendo in particolare l’utilizzo di tutte le strutture comunali ed in particolare delle sale e della biblioteca, e cercando di creare sinergie tra le varie associazioni. Si è inoltre impegnato a proseguire i progetti per l’eliminazione delle barriere architettoniche e dell’accessibilità delle spiagge ai disabili per garantire una città accessibile a tutti.