Ultime ore di lavoro per la presentazione delle liste per le elezioni metropolitane. Pressoché ufficiale il listone di centrodestra, le formazioni delle altre compagini sono in via di ultimazione.

Elezioni metropolitane, il Pd punta su Elio Cuneo

Nessuna ufficialità ancora al momento nel centrosinistra, sul listone che sarà ufficializzato domani, lunedì 18 settembre. Dopo la rinuncia a presentarsi alle elezioni metropolitane nel centrodestra dell’ex sindaco di Chiavari Roberto Levaggi, nel centrosinistra altra rinuncia di un primo cittadino. Si tratta del sindaco di Sestri Levante del Partito Democratico, Valentina Ghio. Portabandiera del levante dei democratici, quindi sarà l’ex sindaco di Coreglia Ligure, Elio Cuneo.

Elezioni metropolitane, Cinque Stelle per Federico Solari

Quarantuno firme di consiglieri dell’ex provincia di Genova che servono per sostenere una lista che partecipa alle elezioni metropolitane. Una quota difficile da raggiungere che sta creando fermento in queste ultime ore.  Nel Movimento 5 Stelle, una lista sarà presente con, in totale, i 9 consiglieri pentastellati dei comuni della Città Metropolitana. Sette saranno di Genova, uno di Bogliasco, il consigliere Giacomo Gorin, e uno del levante, il consigliere di Rapallo Federico Solari. Non certa la corsa di Rifondazione Comunista e del Partito Comunista Italiano, indecisa se non correre o se appoggiare solo un unico candidato del comprensorio.

Leggi anche:  Lavagna, iniziata la fase operativa del dissesto

A Chiavari lista di “bandiera”

A Chiavari, certa, la presenza di un listone civico formato dai consiglieri comunali di maggioranza alla guida di Palazzo Bianco. Sosterrà la lista il sindaco Marco Di Capua. Punta a entrare in Città Metropolitana, il presidente del consiglio comunale, Antonio Segalerba: «Parteciperemo alle elezioni metropolitane con una lista di rappresentanza del comune di Chiavari – ha spiegato il presidente del consiglio comunale Antonio Segalerba -. Essendo un voto ponderato, e quindi secondario, sappiamo che sarà difficile entrare nel consiglio».