Tra le inevitabilmente folte pagine dedicate dall’edizione odierna del Secolo XIX alle amministrative di maggio, Recco si ritaglia spazi di spicco per almeno due curiosità: la discesa in campo di una lista dell’organizzazione di estrema destra Casapound e la presenza nella lista “Onda” a sostegno di Trebiani della giovanissima Marta Murru, fresca di corona di Miss Liguria e delle finalissime di Miss Italia.

Amministrative a Recco, un variegato e variopinto scenario

Da un lato dunque i neofascisti di Casapound che, rifiutati dalla compagine di centrodestra a sostegno di Carlo Gandolfo, hanno deciso di provare a presentarsi da soli, decisione confermata dall’ex consigliere regionale Gianni Plinio. Non c’è ancora un candidato sindaco ufficiale, ma già questa mattina saranno allestiti i banchetti informativi. Dall’altro la decisamente più rassicurante figura di Marta Murru, Miss Liguria, in campo con “Onda” per la candidatura a sindaco di Massimo Trebiani. Ma la 19enne non porta sul tavolo argomenti effimeri come quello della bellezza, bensì tematiche concrete di interesse per i ragazzi: in particolare lo sport, la valorizzazione del nuoto e l’annoso problema piscina per una città che tra l’altro esprime il meglio della pallanuoto italiana e internazionale con la Pro Recco. Già perché la Murru, prima di essere miss, è anche e soprattutto una campionessa di nuoto sincronizzato, e di questi argomenti, delle difficoltà che incontrano i giovani nel potersi dedicare allo sport, ne sa decisamente qualcosa.