Marco Conti (Riprenditi Sestri-Sestri Popolare): «Turismo e decoro urbano, amministrazione comunale bocciata. Occorre uscire dall’immobilismo e dai paraocchi ideologici».

Conti su turismo e decoro urbano

Il consigliere di minoranza di Sestri Levante Marco Conti interviene sul tema turistico e del decoro urbano a seguito della lettura del documento redatto dall’ASCOM che, anch’esso, esprime preoccupazioni. Per Conti «Si conferma quello che da anni vado denunciando: una città che lentamente ha perso il suo appeal a causa di politiche sbagliate e troppo spesso ideologiche». Il consigliere addita «Il turismo di “massa”, il “mordi e fuggi”, nonché il degrado e la scarsa pulizia» che «rappresentano da troppi anni i mali di questa città. E nonostante l’evidenza dei fatti il Sindaco ha sempre negato, raccontandoci sui giornali una realtà da cartolina».

«Per anni la minoranza ha puntato il dito contro l’accattonaggio molesto, il commercio ambulante abusivo e il continuo bivaccare sulle spiagge nonché la scarsa cura quotidiana – prosegue Conti – Per tutta risposta l’amministrazione comunale ci ha accusato di essere razzisti e solo capaci di fare polemiche. Più volte in Consiglio Comunale ho denunciato che l’aver puntato troppo su di “turismo di massa” non avrebbe portato alcun beneficio sia economico che occupazionale la città».

Leggi anche:  Mareggiata a Sestri, quasi un anno dopo: nuovi interventi a partire da ottobre

Ancora in tema di turismo e decoro, Conti ricorda come «lo scorso anno avevo proposto un’ordinanza per vietare di passeggiare in centro in costume o a torso nudo come hanno fatto le grandi località turistiche… anche a guida PD. Ebbene, in Consiglio Comunale sono stato quasi sbeffeggiato dal Sindaco per questa proposta. Un turismo di qualità e una città più vivibile sono stati i capisaldi della nostra azione politica e sono temi in cui il candidato sindaco Gian Paolo Benedetti ha puntato molto durante l’ ultima campagna elettorale. Occorre creare una strategia nel medio e lungo periodo che consenta non solo di attrarre turismo di qualità ma anche investitori, che possono essere anche stranieri».

Tornando al documento Ascom, secondo Conti «È evidente, soprattutto agli occhi degli addetti ai lavori, che questo documento “rimanda a settembre” le politiche turistiche portate avanti e così sbandierate dal Sindaco Valentina Ghio e dall’Amministratore di Mediaterraneo Servizi. Personalmente lo leggo come una bocciatura».