Continuano le polemiche sulla riapertura del teatro Cantero, in occasione dello spettacolo benefico a favore del Villaggio del Ragazzo.

Cantero aperto per lo spettacolo dei politici, la motivazione di Di Capua

Il sindaco di Chiavari, Marco Di Capua, lo aveva precisato nel numero de Il Nuovo Levante di venerdì 26 gennaio. “Ho ritenuto doveroso e corretto concedere una deroga per l’occasione, soprattutto perché stiamo parlando di uno spettacolo benefico a favore del Villaggio del Ragazzo – ha commentato Di Capua -. Chiarisco che non saranno previste ulteriori aperture del teatro una tantum”. Così il sindaco specificando che la riapertura per lo spettacolo dei sindaci, è solamente un caso eccezionale.

La polemica scoppiata dopo l’uscita di scena dallo spettacolo del sindaco di Casarza Ligure

Alla notizia della mancata partecipazione del sindaco di Casarza Ligure Giovanni Stagnaro allo spettacolo “AmministraTour”, Di Capua ha replicato per le rime al collega sulle pagine del Secolo XIX di qualche giorno fa. Secondo il sindaco chiavarese, un primo cittadino deve prendersi anche delle responsabilità, spiegando che il provvedimento disposto per il Cantero è il medesimo adottato dall’ex sindaco di Genova Marco Doria, per lo svolgimento delle gare di campionato nello stadio Luigi Ferraris. Nel suo intervento, lanciate diverse frecciate anche al consigliere regionale Claudio Muzio “suggeritore” del primo cittadino di Casarza Ligure.

La replica di Muzio affidata a facebook

La replica del consigliere regionale, ed ex sindaco di Casarza Ligure, Claudio Muzio, non si è fatta attendere ed è stata pubblicata ieri sera su facebook con un lungo post e un video nella propria pagina personale.

Leggi anche:  Reccostruiamo presenta Francesca Cefeo

“Il sindaco di Chiavari, Marco Di Capua, mi tira in ballo a sproposito nelle polemiche tra lui e il sindaco di Casarza Ligure, Giovanni Stagnaro, riguardanti la questione della riapertura in deroga del Teatro Cantero per lo spettacolo benefico a favore del Villaggio del Ragazzo, che vede protagonisti tanti amministratori locali.  In questa vicenda sono assolutamente terzo e nel merito di queste polemiche non voglio minimamente entrare. Mi limito a sottolineare che evidentemente Di Capua non conosce per nulla il sindaco Stagnaro, altrimenti saprebbe che è persona autorevole che assume le posizioni che più ritiene giuste senza bisogno di suggeritori alle spalle, e senza che tali posizioni coincidano necessariamente con le mie. 

Sempre a tal proposito, trovo una misera caduta di stile, da parte del sindaco di Chiavari, parlare di “chi comanda veramente a Casarza” facendo riferimento al sottoscritto e lasciando intendere che il potere effettivo non sarebbe nelle mani del sindaco democraticamente eletto dai cittadini, bensì nelle mie. Sono giudizi gravi, offensivi e soprattutto non rispondenti al vero”.

Muzio conclude controbattendo alle parole di Di Capua:

“Le elezioni si possono perdere, l’importante è non perdere la faccia. Di Capua è sindaco di una città importante quale Chiavari da 8 mesi: pensi al bene della sua comunità e, se ritiene, risponda nel merito al sindaco di Casarza Ligure, senza affermazioni imbarazzanti, forse tipiche di chi il suggeritore alle spalle ce l’ha davvero”.