L’Associazione politico culturale Camogli C’è, a seguito della presentazione delle liste, rende nota la sua posizione per la nuova tornata elettorale del 10 giugno 2018.

Amministrative, “Camogli C’è” si dissocia

Il Consiglio Direttivo di Camogli C’è ha reso noto che l’Associazione non parteciperà alla disputa elettorale, «non essendo maturata la decisione di intraprendere un percorso autonomo incisivo e non avendo trovato la sintonia necessaria per fare un percorso comune con altre realtà politiche».

L’Associazione spiega che la decisione, pur dopo «la partecipazione da protagonisti nella scorsa elezione amministrativa con una propria lista civica indipendente» è maturata in quanto la sua collaborazione alla vita politica cittadina sarebbe stata «fraintesa, strumentalizzata e scavalcata da arrivismo ed interessi personali». Il gruppo, infatti, «non ha trovato terreno fertile per poter riproporre la propria candidatura arricchita di quegli elementi che avrebbero consentito un balzo in avanti rispetto al risultato elettorale precedente, anche alla luce della frammentazione politica venutasi a creare a Camogli, sia per spaccature ed antagonismi, sia per possibili tentativi e minacce di delegittimazione, sia per effetti speculari della situazione politica nazionali», il che ha determinato la scelta di non presentarsi con una lista indipendente né di confluire in altre realtà politiche.

Leggi anche:  A Camogli sbarcano i crocieristi

Ma l’Associazione assicura che nonostante ciò continuerà a svolgere il suo ruolo di politica attiva, che anzi potrebbe comunque rappresentare «l’ago della bilancia delle prossime elezioni», partecipando «agli incontri pubblici delle liste ed alle presentazioni dei rispettivi programmi, riservandosi in piena libertà ed autonomia se decidere di orientare compattamente il proprio voto, garantendo comunque di offrire il proprio contributo alla prossima amministrazione comunale per il bene di Camogli».