Inaugurato a Lavagna il primo dei 5 laboratori territoriali multimediali regionali, aperto gratuitamente a cittadini e studenti.

Lavagna, inaugurato il primo dei 5 laboratori territoriali multimediali regionali

È stato inaugurato questa mattina a Lavagna, nella sede dell’Accademia Italiana della Marina Mercantile, il primo dei cinque laboratori territoriali multimediali per accrescere le competenze digitali di studenti e cittadini. All’inaugurazione erano presenti, tra gli altri gli assessori regionali all’Istruzione Ilaria Cavo e allo Sviluppo economico Andrea Benveduti. Si tratta di uno spazio d’incontro aperto a tutti gratuitamente per accrescere le competenze digitali e sperimentare e utilizzare strumenti innovativi per attività formative e didattiche. Nei laboratori sono stati messi a disposizione tablet, pc, stampanti 3D, videocamere, componenti robotici, visori tridimensionali per la realtà aumentata, nell’ambito della strategia digitale della Regione Liguria che ha stanziato complessivamente 250mila euro attraverso fondi FESR e FSE.

«Automazione diffusa, intelligenza artificiale, software technologies, machine learning, robotica, Internet of Things sono alcuni dei fattori che stanno già modificando i mercati creando nuove forme di lavoro ma bisogna essere pronti ad affrontarli – afferma l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Liguria Andrea Benveduti – Per costruire nuove competenze e un tessuto imprenditoriale pronto a raccogliere la sfida dell’innovazione è doveroso affiancare alle politiche di formazione e sostegno all’imprenditorialità, la diffusione di tutti gli strumenti utili a creare queste competenze tra i cittadini. Questo progetto mira a raggiungere non solo gli studenti, ma l’intera cittadinanza con strumenti innovativi. Una rivoluzione digitale democratica che parte dai territori per creare le competenze di domani. Ogni area della Liguria avrà entro il 2019 almeno un laboratorio a disposizione, in linea con le indicazioni dell’Agenda digitale europea e con la strategia della Regione Liguria».

Leggi anche:  Emergenza lupi, il dibattito in Regione

«Essere partiti dalle scuole per dare un servizio multimediale ai cittadini liguri è un grande segnale – ha detto l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Ilaria Cavo – che nasce da una consapevolezza di fondo: la necessità di aumentare le competenze digitali di tutti, soprattutto a partire dai nostri giovani. Il gap infatti tra professioni digitali richieste sul mercato del lavoro e il numero delle figure professionali pronte ad occupare quelle posizioni è rilevante e pertanto noi vogliamo ridurlo. In Italia la difficoltà delle aziende a trovare candidati idonei nelle professioni digitali è alta: esiste un mismatch che è pari al 37% tra richiesta e offerta e che in Liguria sale al 41%. Sono anni infatti che parliamo ai giovani della necessità di aumentare le loro competenze digitali attraverso progetti di orientamento nelle Scuole e anche al Salone Orientamenti. L’avvio dei laboratori rientra pertanto in un ampio progetto di scuola digitale finanziato con 2 milioni di euro tra fondi FESR e FSE attraverso cui abbiamo avviato un bando per la formazione dei docenti e un bando per la creazione dei cosiddetti ambasciatori digitali che vede l’erogazione di un contributo pari a 1000 euro ad ogni Istituto che vorrà essere ambasciatore e cioè attivarsi per accelerare l’innovazione digitale degli Istituti che sono più indietro».

Gli altri quattro laboratori territoriali saranno attivati all’Istituto Capellini Sauro di Spezia, all’Istituto Ferraris-Pancaldo a Savona, all’Istituto Polo Tecnologico Imperiese, al Genoa Port Center al Porto Antico e nel Centro Civico Buranello sempre a Genova. Un sito (labterritoriali.regione.liguria.it) e una app appositamente dedicati potranno essere utilizzati per trovare i laboratori, prenotare l’accesso ed essere informati su dispositivi e attività.