Carige, l’agenzia Fitch ne taglia nuovamente il rating. Per la banca genovese al centro dei riflettori continuano le grane, con il nuovo declassamento dall’agenzia di rating a CCC+, una decisione che i vertici della Cassa di Risparmio definiscono come il risultato della «mancata comprensione dei recenti avvenimenti che hanno interessato Carige». Il taglio segue le misure disposte dalle autorità di vigilanza e dal governo per il salvataggio della banca: in un certo senso, dunque, per Carige il salvataggio stesso avrebbe dovuto garantire se non un miglioramento del rating, per lo meno la sua stabilità. Tanto che la banca pensa a rispondere attraverso azioni legali o segnalazioni alla Vigilanza. In altri termini invece, si potrebbe interpretare l’azione di Fitch come una bocciatura o, comunque, una dimostrazione di scarsa fiducia nel piano di salvataggio ed in generis nel futuro di Carige. Si tratta, d’altronde, di una vicenda che si trascinerà ancora a lungo, per l’apprensione dei dipendenti così come dei correntisti della Cassa di Risparmio.