Quasi mille persone hanno partecipato nel tardo pomeriggio di domenica 17 novembre alla prima giornata di The Wine Revolution.

The Wine Revolution: grande affluenza per la prima giornata

Grande partecipazione non solo alla degustazione degli oltre sessanta produttori presenti ma anche ai primi due appuntamenti di approfondimento previsti durante il pomeriggio. Alle 14 Alessandro Sala, presidente di Piwi Lombardia, ha condotto il pubblico alla scoperta dei “Piwi i vitigni resistenti”, una nuova particolare viticoltura maggiormente qualitativa non solo nelle qualità organolettiche dei vini ma soprattutto verso le caratteristiche ambientali. Alle 17 invece in scena il secondo approfondimento dedicato ai “garagisti”. Questa anno per la prima volta a TWR2019 una ventina di garantisti, rappresentati sul palco da Marco Baratta, Antonino Alessi e Maikol Pietracini, hanno presentato la propria personale produzione, realizzata per hobby nel proprio garage. Il vino come veniva fatto una volta dai nostri nonni.

Ultima giornata di the wine Revolution è prevista domani dalle ore 10 con il terzo approfondimento, una tavola rotonda presentata dal giornalista de Il Nuovo Levante Davide Girlando insieme al sommelier degustatore Ais Matteo Sara dal titolo: “Conversioni: nuovi approcci in Liguria”. Seguiranno le degustazioni sempre fino alle ore 18.