La festa patronale di San Rocco e la storica festa di Cian de Frunzun, 24 ore dopo, saranno due giornate molto intense nella tradizione di Villanoce, l’ultima frazione di Rezzoaglio prima del territorio di Santo Stefano d’Aveto.

San Rocco e la festa di Cian de Frunzun a Rezzoaglio

Un prologo ci sarà mercoledì 14 con il torneo di calcio balilla a coppie fisse che si terrà all’albergo Brizzolara. Venerdì sarà il giorno dedicato al ricordo del taumaturgo di Montpellier, qui venerato fin dal 1620. Alle 10,30 messa solenne celebrata dal parroco don Roberto Isola, cui farà seguito l’apertura della lotteria. Nel pomeriggio alle 16 la processione con sosta nel bosco di castagni sotto il paese per l’omelia. Gli altri appuntamenti della giornata prevedono giochi per i bimbi in piazza con il mago Joe e alle 19,30 apertura degli stand gastronomici a cura del Centro sportivo Villanoce presieduto da Matteo Fontana. Dopo lo spettacolo pirotecnico delle 21,30, a cura della ditta Leverone di Cicagna, ci sarà la festa con la musica di Alberto Kalle. A mezzanotte spaghettata offerta dal comitato organizzatore.

Leggi anche:  Presentato "Baie del Gusto"

Sabato a Cian de Frunzun, un appuntamento che si ripete fin dal 1935. Sui prati che costeggiano il sentiero per il Monte Aiona gara di bocce a coppie per sorteggio aperta ai residenti e villeggianti di Villanoce, secondo un regolamento mai mutato nel tempo. Premi offerti dal Centro Sportivo e da “Codino ruote” di Massimo Fontana. Tutte le famiglie e i partecipanti si ritroveranno sotto gli ontani per dar vita alla parte gastronomica della giornata che vedrà sulle tavole i piatti tipici della val d’Aveto: polenta coi funghi, torta di riso e i “duzi” di San Rocco, il tutto accompagnato da buon vino. Nel pomeriggio giochi vari e premiazione della gara di bocce.