Alessandro Natta, «Una vita esemplare fra cultura e politica»: la raccontano l’ex parlamentare europeo Roberto Speciale e Roberto De Marchi venerdì 9 febbraio a Spazio Aperto, a Santa Margherita.

Spazio Aperto di Via dell’Arco, venerdì protagonista la storia di Alessandro Natta

Esattamente 100 anni fa, il 7 gennaio 1918, nasceva a Oneglia l’ultimo dei sei figli di due commercianti: Alessandro Natta. Nel 1936 Alessandro si trasferì a Pisa dove frequentò la Scuola normale superiore, per laurearsi in lettere nel 1940 con il massimo dei voti. Nel 1984, quando un ictus colpì Enrico Berlinguer, fu eletto segretario generale del Partito Comunista soprattutto per le sue “grandi virtù: cultura, correttezza, esperienza, autonomia di giudizio”. Nel 1988, con la crisi del partito e dopo essere stato colpito da un infarto, darà le dimissioni esprimendo la volontà di tornare a essere “semplice frate”. Morì a Imperia il 23 maggio 2001.

Roberto Speciale, ex parlamentare europeo, fondatore di Casa America e del Centro in Europa, negli anni ’80 consigliere comunale a Genova e consigliere regionale della Liguria, oltre che segretario provinciale regionale del Pci, afferma: «Ho voluto togliere da un certo oblio la figura di Alessandro Natta e un determinato periodo, gli anni ’80, in cui svolge l’ultima sua attività, e poi gli anni ’90, quando recupera a Oneglia e nella sua Imperia la passione per la letteratura, la poesia e la storia».

Leggi anche:  Santa Margherita Ligure: domani festa patronale

Nasce così il suo ultimo libro, un saggio che dipinge un ritratto più personale che istituzionale di Natta, raccontando la formazione alla Normale di Pisa, il periodo trascorso nei campi di concentramento nazisti durante la guerra, l’ascesa politica e infine il ritiro. Ricorda Speciale: «La sua caratteristica fondamentale era quella di intrecciare cultura e politica, è stato un uomo di grande serietà e disinteresse personale, che considerava la politica un interesse generale, un servizio verso i cittadini e lo Stato. Una cosa rara, che merita di essere ricordata». Con Roberto Speciale sarà Roberto De Marchi, ex sindaco di Santa Margherita, protagonista di quegli anni.

A Spazio Aperto un pomeriggio per cercare di far ordine nella storia recente e, attraverso la vita di Natta e il suo esempio, tentare una rivalutazione della politica come strumento per affermare l’interesse generale, per comprendere le trasformazioni economiche e sociali, per la formazione civile e culturale di ognuno. L’incontro ha il patrocinio del Comune di Santa Margherita. Appuntamento venerdì 9 febbraio alle ore 16.30, in via dell’Arco 38 a Santa Margherita Ligure. L’ingresso, come per tutte le iniziative dell’Associazione “Spazio Aperto”, è libero e gratuito.