L’edizione 2018 di EstOvest Festival avrà come tema “Luoghi immaginari”, indagando le modalità con cui la musica narra, accompagna e svela percorsi. Progetto centrale della manifestazione e profondamente legato alla più alta produzione letteraria del Novecento è African Novels.

L’Africa dei Nobel ad EstOvest Festival

Si è immaginato di partire dalle pagine di sei grandi scrittori del continente africano, tutti insigniti del Premio Nobel. Wole Soynka, nigeriano, Nagib Mahfuz, egiziano, Nadine Gordimer, ebrea sudafricana, John Maxwell Coetzee, afrikaner sudafricano, Albert Camus, franco-algerino, e Jean-Marie Gustave Le Clèzio, franco-mauriziano. A loro si ispira liberamente il giovane ma già affermato compositore siciliano Orazio Sciortino per la scrittura di cinque quartetti d’archi. La voce dell’attrice Sonia Bergamasco (nella foto) offre stralci di testi, interi racconti, frasi emblematiche che il compositore considera nella campata musicale. Non si tratta cioè di un’alternanza tra musica e lettura, bensì di un unico lavoro i cui ritmi ed i colori del suono, la cui architettura, nascono da un’unica fonte creatrice. Commissione del Festival EstOvest 2018, il lavoro di Sciortino è affidato ai musicisti di NEXT-New Ensemble Xenia Turin. Letteratura, Musica e Recitazione confluiscono in un unico canale, con l’obiettivo di creare un lavoro organico, fortemente simbolico ed evocativo. Appuntamento al Teatro Sociale di Camogli oggi venerdì 19 ottobre alle 21.