Il San Valentino più lungo del mondo – festeggiato nelle mille iniziative organizzate in città per Innamorati a Camogli – si apre al Teatro Sociale all’insegna della più antica tradizione ‘anema e core’ napoletana, con una raffinata antologia di piccoli capolavori musicali, dai contenuti amorosi e piccanti. Gli eventi a tema proseguiranno per tutto febbraio, con ospiti come Lella Costa, Tindaro Granata, Michele Serra, Giovanna Zucconi, Domenico Nordio e Dario Bonuccelli

Sabato 3 febbraio Ring Around Quartet in concerto: La Villanesca alla Napoletana

Ensemble vocale genovese, attivo dagli anni ’90, definito “autentica rivelazione” a Spoleto Festival 2003, il Ring Around Quartet ha contribuito alla diffusione del repertorio antico con istintiva musicalità, vero divertimento, e grande passione. Nell’ensemble, Vera Marenco soprano, Manuela Litro contralto, Umberto Bartolini tenore, Alberto Longhi baritono Alessandro De Carolis flauti, Giuliano Lucini liuto, Marcello Serafini viella e chitarra rinascimentale, Carlo Rizzo percussioni.

La tematica amorosa pervade le liriche delle villanesche, con un campionario ampio e variopinto. Il programma propone brani tratti dalle principali raccolte di villanesche del cinquecento: la forma “per villani” nasce nella ricca e aperta cultura della Napoli rinascimentale, emigra a Roma e Venezia per ragioni editoriali e acquisisce tratti che la trasformeranno nella ‘villanella’ nazionale, una delle forme di soggetto profano più utilizzate in Europa.

Leggi anche:  Festival della Comunicazione, domani scatta la VI edizione

San Valentino continua a teatro

Il viaggio verso San Valentino continuerà con il romanticismo di Schubert interpretato da Domenico Nordio al violino e Dario Bonuccelli al pianoforte (venerdù 9 febbraio), l’ironia di Lella Costa e Natalia Aspesi in Questioni di Cuore (sabato 10 febbraio), I Valzer di un Tempo evocati da Vittorio Caproni e dalla musica degli Enerbia, con Michele Serra e Giovanna Zucconi (venerdì 16 febbraio). A chiudere la kermesse, due spettacoli che raccontano con ironia due modi opposti dell’amore: quello fiabesco e antico della Cenerentola di Rossini (domenica 18 febbraio) nell’allestimento di Fantasia in Re – che porta per la prima volta la grande lirica sul palco del nuovo Teatro Sociale – e quello sorprendentemente concreto e moderno della Locandiera di Goldoni (domenica 25 febbraio), nel gioco di attori e bambole proposto dalla regia di Andrea Chiodi, con Tindaro Granata (Premio Ubu 2016) e Mariangela Granelli.