Questa sera arriva al Teatro Sociale di Camogli, alle 21, “Dio Ride” di e con Moni Ovadia. Musiche dal vivo della Moni Ovadia Stage Orchestra. Una zattera in forma di piccola scena approdava in teatro venticinque anni fa. Trasportava sette vagabondi, sei musicanti e un narratore di nome Simkha Rabinovich. A chi sentiva il desiderio di ascoltare, Simkha raccontava storie di una gente esiliata e ne cantava le canzoni. Canti tristi e allegri, luttuosi e nostalgici, di quel popolo che illuminò e diede gloria alla diaspora. I musicanti lo accompagnavano con i loro strumenti e con lui rievocavano le melodie che quel mondo aveva creato per vivere le feste, le celebrazioni e i riti di passaggio.