Bruno Garaventa il famoso scrittore usciese ormai lo conoscono tutti, autore di numerosi libri che riguardano i fatti accaduti dopo l’8 settembre 1943 durante la Resistenza soprattutto nel Tigullio e nel suo entroterra. Le Valli Aveto e Fontanabuona sono al centro dei suoi lavori arricchiti da preziose testimonianze storiche e foto d’epoca. Tra i libri più famosi “La resa nazifascista del 27 aprile 1945” avvenuta a Uscio, un episodio poco conosciuto.

“Storia di un uomo venuto dal mare”, Boitano e Paita parteciperanno alla presentazione del nuovo libro

Lunedì 10 dicembre preso la sede della Regione Liguria, via Fieschi, 15 (sala A) inizio ore 11, presenterà il suo ultimo libro: “Storia di un uomo venuto dal mare”. Si tratta delle vicende di Nicolò Do Rosario da Capo Verde caduto a Genova il 24 aprile 1945 nei pressi dell’ospedale Galleria durante un cruento conflitto a fuoco con le truppe tedesche attestate nei pressi dell’ospedale. Un atto di eroismo e d’amore da parte di un partigiano venuto da lontano, un “moretto”.
Quest’anno a Roma il presidente della Repubblica di Capo Verde Jorge Carlos Fonseca, alla presenza del consigliere regionale Giovanni Boitano, ha voluto ricordarlo con una medaglia d’oro alla memoria.
Garaventa ne racconta la storia in questo interessante volumetto tradotto anche in portoghese, la lingua parlata nell’arcipelago di Capo Verde. Una pagina che merita di essere raccontata e aiuta a riflettere su come l’amore per la libertà non conosce razze e confini. Con l’autore saranno presenti Boitano e l’onorevole Raffaella Paita.