Chiavari e Lavagna partecipano alla fiera milanese assieme a centinaia di espositori nazionali ed internazionali.

La Bit di Milano

Con più di 240 espositori da 72 Paesi e 1500 operatori da 79 paesi, diverse migliaia di appuntamenti tra chi vende e chi compra, la manifestazione prevede l’apertura al pubblico domenica 11 Febbraio, mentre le giornate del 12 e del 13 febbraio sono riservate ai professionisti del settore.
Da oltre trent’anni Bit favorisce l’incontro tra decision maker, esperti del settore e buyer accuratamente selezionati e profilati, provenienti dalle aree geografiche a più alto tasso di crescita economica e da tutti i settori della filiera.

Saranno tre giornate intense tra business, formazione, esperienze e scoperte per operatori professionali e viaggiatori: il percorso espositivo è stato ottimizzato per una visita ancora più agile ed efficace, attraverso i trend più attuali e interessanti del settore.

La partecipazione di Chiavari e Lavagna

Il Comune di Chiavari partecipa all’edizione 2018 di Bit con una sua postazione all’interno dello stand di Liguria Together, in collaborazione con Regione Liguria.
Insieme al Comune di Lavagna (presente anch’esso con una sua postazione) è stato realizzato un servizio di catering per le tre giornate di fiera, rivolto agli operatori che saranno presenti durante gli incontri di matching con i tour operator, promuovendo la gastronomia locale e le specialità che contraddistinguono il territorio, selezionate e realizzate dalla Scuola Alberghiera di Lavagna.
Lunedì 12 Febbraio, invece, si terrà un momento conviviale presso lo stand di Regione Liguria, con un buffet speciale, a cui parteciperanno i sindaci e i rappresentanti delle istituzioni liguri.

Per quanto concerne Chiavari, sono stati concordati numerosi appuntamenti con i tour operator e buyers a cui verrà presentata la città nella sua interezza, le strutture ricettive e servizi offerti dalla città, oltre alle peculiarità culturali, gastronomiche e paesaggistiche.
La selezione degli appuntamenti in fiera è stata realizzata grazie a My Matching, un innovativo sistema di match-making che consente ad espositori e buyer di ricercare le persone di proprio interesse e fissare appuntamenti prima che la manifestazione abbia inizio. La piattaforma è stata ideata per favorire il dialogo B2B e promuovere l’incontro tra domanda e offerta, con concrete opportunità di business.

Presenti in fiera il presidente di Liguria Together Francesco Andreoli, l’associazione Albergatori di Chiavari, rappresentata da Olga Bacigalupo, l’Ascom di Chiavari, con il presidente Gianpaolo Roggero, il Civ, con Alessandra Torre e l’Associazione Ristoratori di Chiavari; mentre per Lavagna, Il Commissario Prefettizio Paolo D’Attilio, Tiziano Sada e Attilio Schiaffino per l’Associazione Albergatori e l’Associazione Ristoratori di Lavagna.

Leggi anche:  Sori si anima con Suonirrequieti, in comapgnia degli Agitatori Culturali

«Un’occasione unica per la promozione del nostro territorio – interviene il sindaco di Chiavari Marco Di Capua – in sinergia con i comuni limitrofi e con le associazioni che partecipano unite al rilancio del comprensorio.
Oltre ad essere una vetrina internazionale, sia per albergatori che per fornitori di servizi, la fiera Bit ci permette di lavorare su più fronti per giungere ad un unico scopo finale: aumentare le presenze turistiche cittadine e, allo stesso tempo, incrementare l’occupazione in ambito turistico. Un progetto importante per l’i006Etera città a supporto di una vocazione turistico-commerciale imprescindibile per l’economia locale, »

Per l’Assessore al Turismo Gianluca Ratto «la Borsa Internazionale del Turismo sarà per noi una vetrina importantissima ed irrinunciabile all’interno della quale faremo conoscere la nostra offerta turistica, programmata in questi mesi e partita con l’adesione al Patto Strategico del Turismo di Regione Liguria, con la partecipazione alla Fiera del Turismo di Rimini TTG – Incontri e l’introduzione dell’imposta di soggiorno che sarà reinvestita per promuovere la nostra città. La nostra Amministrazione ha puntato molto sulla bellezza, ma anche sulla vivibilità della città, sugli aspetti estetici e su quelli concreti e funzionali al miglioramento della qualità della vita. Chiavari è una città di cultura, di arte e di commercio. Una città di studi. Una città con una storia importante, direi unica nel nostro comprensorio, punto di riferimento di tutti i comuni limitrofi. Chiavari farà del turismo la leva su cui puntare in futuro, perché solo così la nostra città potrà entrare in quei circuiti virtuosi che assicurano un incremento sensibile dei flussi di visitatori. »