L’evento Dante Fiumana Bella 2019 di Chiavari e Neirone, in programma nelle due località liguri a luglio, avrà una anteprima  a Vinitaly 2019, oggi, mercoledì 10 aprile, alle 13, nello stand dell’Enoteca Regionale della Liguria, al Padiglione 12 A4, in vista delle celebrazioni dei 700 anni  dalla morte di Dante in programma nel 2021.

Dante Alighieri ed il Tigullio

L’attore Mario Roncagliolo, dell’associazione culturale Artemis Levante, in costume dantesco, reciterà alcuni  brani  della  Divina Commedia XIX Canto  del Purgatorio, nelle parole con cui papa Adriano V, ricorda  la sua appartenenza al casato dei Fieschi: “Intra Siestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella, e del suo nome lo titol del mio sangue fa sua cima”. Parteciperanno, fra gli altri, l’assessore alle Politiche Agricole Stefano Mai e i i sindaci di Chiavari e Neirone Marco di Capua e Stefano Sudermania.

L’appuntamento a Vinitaly  nasce da un’idea del Centro Lunigianese di Studi Danteschi (Clsd) e di Paolo Bosoni, titolare delle Cantine Lunae di Castelnuovo Magra, che ha dedicato una etichetta celebrativa del soggiorno di Dante, arrivato  in Lunigiana da Verona e alla  celebre Pace di Castelnuovo del 6 ottobre del 1306, prima che il Sommo Poeta,  proseguisse il viaggio verso Chiavari e la Fontanabuona,

Leggi anche:  Vigili del fuoco in via delle Vecchie Mura a Chiavari

Denominata Verba Dantis (il ‘Verbo di Dante’), l’etichetta vuole evocare quei grandi significati della Divina Commedia su cui si è posata anche l’attenzione degli studiosi. Un rapporto privilegiato che tanto legò il Poeta a tutta la Val di Magra per l’ospitalità illuminata della famiglia dei marchesi Malaspina testimoniata dal Canto VIII del Purgatorio, il “Canto lunigianese per eccellenza”.

Una grande occasione di  conoscenza e valorizzazione anche per il  Tigullio e la Val Fontanabuuona dove è presente la memoria dantesca citata nella Divina Commedia. Fra i riferimenti al territorio ligure  il più famoso e discusso è senza dubbio quello che  si trova nel XIX Canto del Purgatorio, nelle parole con cui  papa Adriano V, ricorda  la sua appartenenza  al casato dei Fieschi: “Intra Siestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella, e del suo nome lo titol del mio sangue fa sua cima”.

Sul piano squisitamente enologico, la peculiarità del “nettare” preparato da Paolo Bosoni per Verba Dantis  sta nell’uvaggio ricercatissimo, con due vitigni autoctoni di gran pregio come la Massaretta e la Pollera Nera, un Igt Liguria di Levante, un rosso corposo, sanguigno, proprio come l’animo di Dante, e di una originalità assoluta come la Divina Commedia.