Emiliano Toso a Chiavari per la tappa ligure del tour “Love Seeds”. L’appuntamento è all’Auditorium San Francesco in via Entella 7, il 24 e il 25 agosto.

Il giorno dopo seminario “Disegno di Stelle”

Emiliano Toso “PhD” è un biologo molecolare che ha unito biologia e musica per creare composizioni che vengono utilizzate in tutto il mondo in ambienti assistenziali, didattici, curativi e creativi. Sabato 24 agosto alle ore 21 si svolgerà il concerto di pianoforte, violoncello e violino accordati a 432Hz per presentare il nuovo album “Love Seeds”, dedicato all’amore, un’esperienza unica che unisce scienza ed arte nella sinfonia della vita. Ad accompagnare il pianoforte di Emiliano ci sarà l’inseparabile Lorena Borsetti al violoncello e Nataliya Nykolahyishyn, violinista di spicco internazionale che collabora con Ennio Morricone.

“Per dare un senso all’esperienza del concerto domenica 25 agosto dalle ore 10 alle ore 18 Emiliano aspetta tutte le persone interessate con il seminario “Disegno di Stelle – Un cielo di musica nel tuo mare di cellule” per aiutare a riscoprire i propri talenti e le passioni più profonde e per vivere la vita che uno sogna – spiegano gli organizzatori -. Grazie al silenzio, alla risonanza della musica acustica accordata a 432Hz, alla scienza di frontiera, ma soprattutto grazie ad un percorso esperienziale molto profondo, in questo seminario si imparerà a unire quelle stelle luminose con un sottile filo dorato e a lasciare che il tuo disegno di vita si realizzi in ogni istante”.

L’associazione culturale Ametista dà il via con questo evento a una serie di appuntamenti volti a riportare armonia ai sensi, donare benessere allo spirito, regalare respiro all’anima e provocare forti emozioni.

“Il nostro obiettivo è promuovere il benessere psico-fisico attraverso l’arte, in ogni sua forma – spiegano – ma solo quella che nasce dall’anima dell’artista, il solo che con le sue realizzazioni produce benessere e migliora la qualità della vita e che attraverso l’espressione artistica incrementa la consapevolezza di sé e dà la possibilità di godere del piacere che la creatività, affermando la vita, porta con sé”.