Dopo il grandissimo successo della rassegna estiva dei “mercoledì al MuSel”, l’incontro organizzato per mercoledì 11 settembre, dal titolo “Alta Via dei Monti Liguri, a piedi e in mountain bike: i percorsi, l’ospitalità e molto altro…”, sarà l’occasione per suggellare la collaborazione del MuSel, il Museo Archeologico e della Città di Sestri levante, con il Consorzio Ospitalità Diffusa delle Valli del Parco dell’Aveto e la ripresa della collaborazione con Fiab Tigullio – Vivinbici, già avviata negli anni precedenti e portata avanti con la pedalata tra Sestri e Renà passando “Lungo la via dei pescatori”, organizzata sempre dal MuSel il 1° settembre. Mercoledì 11 settembre, infatti, alle ore 21 in Sala Bo a Palazzo Fascie saranno ospiti Marina Bò, presidente del Consorzio Ospitalità Diffusa, e Claudio Simonetti, nome suggerito proprio da Fiab Tigullio – Vivinbici.
L’intento del MuSel è da sempre quello di fare rete tra le varie realtà che insistono su questa porzione di territorio del Levante Ligure e in questo anche il Consorzio per l’Ospitalità Diffusa delle Valli del Parco dell’Aveto, che si chiama “Una montagna di Accoglienza”, è importantissimo, poiché all’interno del Museo Archeologico e della Città si trovano anche reperti, e quindi preziose testimonianze di vita, che arrivano proprio dai monti e dalle Valli Sturla, Aveto e Graveglia. Una montagna di Accoglienza è quindi il Consorzio per l’Ospitalità diffusa e ha come “mission” la promozione di un’offerta turistica integrata, basata sulla qualità dei servizi e dei prodotti.
Mercoledì 11 settembre Marina Bò ci parlerà proprio di com’è nato il Consorzio e di come sta lavorando per la valorizzazione di un territorio ricco di “tesori nascosti” degni di attenzione. L’incontro avrà come titolo “Alta Via dei Monti Liguri: a piedi e in mountain bike: i percorsi, l’ospitalità e molto altro…”. Assieme a Marina Bò, infatti, ci sarà Claudio Simonetti, referente dell’Associazione Ospitalità dell’Alta Via dei Monti Liguri, che porterà anche lui l’esempio delle tante potenzialità dei territori montani, che in Liguria si trovano immediatamente alle spalle del mare.
L’Associazione Ospitalità Alta Via dei Monti Liguri è stata considerata la prima associazione no profit italiana, ligure,  che dedica 24 ore su 24  assistenza gratuita a tutti i frequentatori del percorso di crinale “Alta Via dei Monti Liguri” e i suoi principali sentieri di raccordo. Entrambi gli enti, così come il MuSel, assieme al Polo archeominerario di Castiglione Chiavarese, tengono molto a favorire la conoscenza e la frequentazione della Liguria, fin nei suoi angoli più nascosti, sia lungo la costa sia nell’entroterra Ligure, destinazione ideale e  a portata di tutti.
L’APS Ospitalità Alta Via è attiva dal 2010 con oltre 60 soci/volontari (60 associati delle oltre cento strutture ricettive presenti sul tracciato), tutti proprietari di piccole realtà ricettivo-turistiche ubicate sulla o nei pressi dell’ Alta Via dei Monti Liguri.
Ospitalità Alta Via è stata inoltre  fondatrice di una delle principali manifestazioni di MTB endurance nel panorama internazionale: “Alta Via Stage Race”, una competizione della durata di 9 giorni lungo tutta la dorsale ligure facendo tappa in 8 piccoli comuni dell’entroterra regionale  mettendone in evidenza peculiarità ed eccellenze. Infatti lungo l’Alta Via dei Monti Liguri, che va da Ceparana (La Spezia) a Ventimiglia lungo il crinale appenninico che segue in gran parte il confine regionale, Simonetti stesso ha tracciato anche un percorso per mountain bike o e-bike interamente ciclabile, una novità assoluta nel panorama sentieristico nazionale.
L’incontro di mercoledì sera è aperto a tutti, a partecipazione gratuita, e permette di proseguire gli appuntamenti di settembre del MuSel nell’ambito della rassegna “Da Sestri al mondo, dal mondo a Sestri”.
Giovedì 12 settembre alle ore 18 vi sarà invece l’ultimo appuntamento stagionale di “Sunset discovery tour” speciali itinerari accompagnati da guide turistiche abilitate, che partono dal Museo per proseguire nel centro storico di Sestri e terminare con un gustoso aperitivo al tramonto affacciati sulla Baia del Silenzio. Anche in questo caso il tour è l’esito di alcune preziose collaborazioni avviate dal MuSel, come quella con il Tapullo Shop&Taste, con la Confraternita di Santa Caterina grazie alla quale in occasione dei Sunset discovery tour è possibile visitare anche la bellissima Chiesa di San Pietro in Vincoli, e infine con l’altro museo cittadino, la Galleria Rizzi, fornendo ai partecipanti un buono sconto per poter scoprire quest’altro scrigno di tesori d’arte.
Per informazioni e prenotazioni sui Sunset discovery tour occorre telefonare al MuSel al n. 0185 478530 oppure scrivere un email a info@musel.it