Multa da 20mila euro per Mafalda Silvestri, titolare del Bar Ostigoni di Lavagna. A darne notizia l’edizione odierna de Il Secolo XIX. Si arricchisce di un nuovo tassello la vicenda legata all’inchiesta “I Conti di Lavagna” che arriva nel giorno in cui il Consiglio di Stato è chiamato a esprimersi sulla richiesta di sospensiva alla demolizione della struttura abusiva di piazza Vittorio Veneto, già respinta dal Tar della Liguria.

Si arricchisce di un nuovo tassello la vicenda legata all’inchiesta “I Conti di Lavagna”

La veranda abusiva era stata sequestrata il 20 giugno 2016 in occasione degli arresti che avevano portato allo scioglimento per mafia del Comune nell’ambito dell’inchiesta “I Conti di Lavagna” sulle infiltrazioni della ’ndrangheta in città e in municipio. Tra gli indagati anche Ettore Mandato, marito della titolare del Bar Ostigoni. La struttura, successivamente, era stata dissequestrata su richiesta del Comune per poterla annettere al patrimonio comunale e abbatterla. Il 10 giugno 2017 Palazzo Franzoni aveva ordinato a Silvestri di demolire la struttura a proprie spese e ripristinare la situazione entro 90 giorni. Silvestri però non aveva provveduto e il 22 marzo 2017 aveva impugnato l’ordinanza di fronte al Tribunale amministrativo regionale.