Il regolamento per il contrasto al gioco patologico del Comune di Chiavari impone delle distanze minime da luoghi ritenuti sensibili alle sale slot e vlt, ma non alle agenzie di scommessa, che dunque non devono sottostare alle limitazioni. E’ quanto stabilisce una sentenza del Tar Liguria, che ha accolto con sentenza il ricorso dell’agenzia Eurobet Chiavari di corso Lavagna contro la chiusura dello scorso settembre disposta da Palazzo Bianco perché a meno di trecento metri dal cimitero cittadino e dallo stadio Comunale. A darne notizia l’edizione odierna de Il Secolo XIX.

Accolto il ricorso contro la chiusura disposta da Palazzo Bianco perché a meno di 300 metri dal cimitero e dallo stadio Comunale

Le sale gioco in cui sono presenti slot e Vlt sono “altra cosa rispetto alla sala scommesse”, anche perché nell’agenzia ricorrente gli apparecchi non risultano installati. Il Comune non può dunque “applicare anche alle sale scommesse i limiti distanziometrici che devono invece essere osservati dalle sale giochi”.