Trovato con oltre un etto di eroina addosso dalla Polizia Ferroviaria di Brignole: pochi giorni fa era stato fermato per la stessa ragione a Lavagna.

Da Lavagna a Genova, secondo arresto in pochi giorni per lo spacciatore

È tornato in manette, e questa volta sicuramente ci resterà più a lungo, il 23enne marocchino scoperto alcuni giorni fa dalla polizia di Chiavari mentre spacciava eroina nella zona del porto di Lavagna. Nell’occasione, il giovane era stato trovato in possesso di 5 dosi pronte per la vendita: dopo l’arresto, il deferimento a piede libero e concomitante divieto di dimora nel Tigullio. E così lo spacciatore ha “trasferito la propria attività” nel genovese, dove è stato questa volta pizzicato dai controlli della Polfer nella stazione di Genova Brignole: trovato senza documenti e permessi di soggiorno, è soprattutto stato trovato in possesso della decisamente ingente quantità di 112 grammi di eroina. Per il 23enne è scattato l’arresto e questa volta il carcere, a Marassi.