Perché dovrei parlare di Dante in questo luogo? Perché vi trovate in un luogo carico del suo sguardo“. Così Vittorio Sgarbi ieri, domenica 7 luglio, ha incantato il pubblico numeroso presente a Neirone per parlare del Sommo Poeta. Tantissime le persone presenti, che hanno ascoltato con attenzione il noto critico d’arte, arrivato alle 21.30 circa. “La Divina Commedia è la più grande cronaca della vita contemporanea e nessuno è stato un reporter così preciso come Dante– ha ricordato Sgarbi -. Tra le testimonianze, quella targa sul fiume Entella sono diventate parole che stanno dentro di noi“. Tra versi e carrellate di immagini, una serata da non dimenticare.

Ampio servizio dedicato sul prossimo numero de Il Nuovo Levante in edicola venerdì 12 luglio

 

Con il sindaco di Neirone Stefano Sudermania