Sequestrato arsenale di armi a Lavagna e quattro chili di droga, due arresti.

Arrestati due italiani del posto

I Carabinieri della Compagnia di Sestri Levante, nella notte del fine settimana (18 febbraio), hanno proceduto all’arresto di due italiani del posto: B.R. 55enne con pregiudizi di polizia per reati contro la persona, il patrimonio, in materia di armi e sostanze stupefacenti e T.L. 39enne, pizzaiolo che alle ore 3 circa di notte sono stati sorpresi in una via del centro di Lavagna mentre sistemavano nel bagagliaio di una Fiat Punto – in uso a B.R. – alcuni zaini e dei fardelli avvolti in coperte. Al controllo dei Carabinieri della Radiomobile, hanno subito tradito un ingiustificato nervosismo, per cui sono stati sottoposti a immediata perquisizione.

Nella tasca dei pantaloni di B.R. è stata trovata una pistola semiautomatica calibro 7,65 con matricola abrasa, completa di caricatore con tre cartucce, motivo per cui l’equipaggio è stato tempestivamente raggiunto da due pattuglie delle Stazioni di Sestri Levante e Lavagna in ausilio.

A bordo dell’auto, sono saltati fuori anche 7 fucili di varie marche, modelli e calibri, con 64 cartucce, e poi 3 pistole calibro 7,65, 64 proiettili, una granata da guerra di origine tedesca, un silenziatore per calibro 9, un coltello a serramanico. Tutto il materiale, auto compresa, è stato posto sotto sequestro.

Leggi anche:  Comprava con soldi falsi, donna denunciata

La successiva perquisizione domiciliare a casa del 55enne, invece, ha fatto ancora rinvenire un coltello con lama ricurva  di 29 centimetri, un coltello con lama a doppio filo di 27 centimetri, una mazza frustra a tre teste chiodate di 27 centimetri.

E ancora, quasi 4 chili di hashish (3,9) suddivisi in 39 panetti da 100 grammi l’uno e un bilancino di precisione. Tutto è stato sottoposto a sequestro penale. E le armi e munizioni sottoposte ad accertamenti balistici.

I due uomini sono stati arrestati e condotti nel carcere di Marassi. Entrambi sono accusati di ricettazione, detenzione e porto abusivo di armi comuni e da guerra, mentre il solo 55enne B.R. deve rispondere anche di spaccio di stupefacenti. Denunciata in stato di libertà la compagna del 55enne, di origine brasiliana, 36 anni, che era nella casa dove è stata trovata la droga: è accusata del concorso nello spaccio delle sostanze stupefacenti.