Era finito sotto processo il gestore dell’isola ecologica di Portofino, costantemente riempita con rifiuti proibiti. E’ arrivata ora la sentenza.

Il processo

La magistratura, durante il processo, ha accertato che la responsabilità non ricade sul custode. Durante la notte infatti numerosi residenti e turisti depositavano nel centro di raccolta a ridosso del porticciolo rifiuti come olii esausti, batterie, imballaggi contaminati, pitture e vernici di scarto. Una situazione che va avanti da agosto 2017, quando gli ispettori Arpal hanno aperto un fascicolo sullo smaltimento dei rifiuti.