Ha aggredito un’ospite di Casa Stella, la struttura di Camogli dove le suore missionarie del Verbo Incantato ospitano, attraverso il progetto Sprar, ragazze richiedenti asilo. Lo racconta il Secolo XIX di oggi, che riepiloga come questo non fosse il primo episodio simile con protagonista il pitbull di un uomo residente in zona, e che da anni terrorizza il quartiere con le proprie violente scorribande. Già in passato aveva aggredito un’altra ospite di Casa Stella, ferendola gravemente al volto, ed una passante: questa volta la vittima ha riscontrato ferite giudicate guaribili in due settimane.

Proprio a seguito dei precedenti episodi, al padrone era stato intimato, ormai da anni, di mettere in atto misure che impedissero al cane di fuggire dalla sua proprietà: misure che non sono risultate esser state eseguite. Dunque, alla fine, le autorità hanno disposto il sequestro dell’animale, ora al canile di Monte Canessa. Adesso sarà il turno delle valutazioni della ASL 3, che dovrà pronunciarsi sull’eventualità di dover adottare soluzioni più drastiche e definitive.