È atteso per i primi giorni della prossima settimana il rimpatrio del corpo di Roberto Monteguardia, primo ufficiale morto nel corso di un incendio a bordo della sua nave cisterna in acque turche.  Lo riporta il Secolo XIX di oggi, che ricorda anche le dinamiche dell’incidente: avvenuto lungo le banchine di un polo petrolchimico turco, quando, nel corso delle operazioni di rifornimento di gpl, è divampato il violentissimo rogo che ha generato  fiamme alte sino a 20 metri. Il resto dell’equipaggio è riuscito a mettersi in salvo, non altrettanto fortunato il lavagnese Monteguardia.