Abiti e accessori contraffatti, dodicimila articoli sequestrati in una settimana dalla Guardia di Finanza di Genova; controlli serrati nelle stazioni della metropolitana e nel centro storico di Genova.

Merce contraffatta, scoperto un “bunker” del falso

Nel corso della scorsa settimana la Guardia di Finanza di Genova, ha intensificato l’attività di contrasto all’abusivismo commerciale, alla vendita di prodotti contraffatti e allo spaccio di stupefacenti. Nel corso dei controlli  sono stati sequestrati oltre 12 mila pezzi tra capi ed accessori per l’abbigliamento ed etichette, in quello che sembrava un vero e proprio “bunker del falso”. Un opificio in cui soggetti extracomunitari venivano colti nel momento “clou” del loro lavoro per la filiera del falso, intenti a cucire, stampare e trasformare capi neutri in contraffatti.

I laboratori di merce contraffatta scoperti nella zona del porto Antico

Denunciate in stato di libertà all’Autorità giudiziaria, quattro persone. I laboratori ed i depositi smantellati, ubicati nell’area adiacente al porto Antico, sono i luoghi di conversione e deposito della merce contraffatta posta in vendita nell’Area Expo ed in altre località.