È Gianfranco Pippi l’uomo che ha perduto la vita l’altra sera, travolto da un treno nei pressi della stazione ferroviaria di Rapallo, in quello che ormai tutti paiono considerare un suicidio. Pippi, 70 anni, era un personaggio notissimo a Santa Margherita Ligure, dove ha per decenni gestito prima il Carillon e poi lo Spinnaker, sino ad appena qualche mese fa: un’autorità, insomma, della movida sammargheritese, e la cui inevitabile popolarità lo fa rimpiangere anche nel resto del comprensorio, da Portofino a Rapallo. Anche proprio dal sindaco uscente di quest’ultima, ieri sera, parole di cordoglio per l’improvvisa scomparsa: « Sconvolto per la notizia della scomparsa dell’amico Pippi, desidero esprimere la mia sincera vicinanza ai famigliari – ha scritto Carlo Bagnasco –  chiunque sia stato nei locali da lui gestiti, non può non ricordare la sua simpatia e il suo modo unico di fare accoglienza, indelebile nei nostri cuori. Ciao Pippi RIP».