È un uomo di 43 anni di origini albanesi il presunto responsabile dell’ondata di furti che hanno colpito San Massimo a Rapallo nelle ultime settimane: arrestato dalla Polizia del commissariato rapallese e tradito – come riporta il Secolo XIX di stamani – da un’impronta digitale rinvenuta all’interno di uno degli appartamenti svaligiati. L’uomo, infatti, era già noto alle forze dell’ordine e ritenuto responsabile di decine di furti in tutto il nord Italia. Ora è caccia ai complici, poiché secondo numerose testimonianze i ladri che hanno ripetutamente colpito nelle abitazioni della zona sarebbero stati almeno tre.