In fondo, entrambe le cose si “tagliano”: i capelli e la droga. Ed è così che ha ben pensato di “diversificare” la propria attività un barbiere di Chiavari, che nel suo negozio in realtà spacciava eroina. Ad insospettire gli agenti della Polizia di Chiavari il viavai di clientela: un viavai sospetto, perché le tempistiche non erano compatibili con quanto sarebbe occorso per una sbarbatura o una nuova acconciatura. Ed anche l’andirivieni del proprietario fra negozio e auto risultava insolito. È dunque ieri sera scattato il controllo dopo un appostamento, e il barbiere – un 34enne di origini marocchine, già pluripregiudicato – di fronte alle divise blu ha goffamente negato di aver ricevuto clienti in giornata. Perché, dunque, tutto quel viavai? La risposta l’ha data la perquisizione, attraverso la quale è saltato fuori un ingente quantitativo di eroina. Un etto e mezzo era nascosto nell’auto dell’uomo, mentre nel negozio teneva più modesti quantitativi, già divisi in dosi per la vendita, nascosti dentro ad un flacone di shampoo. Il 34enne è stato immediatamente arrestato, e già stamattina è previsto per lui il processo per direttissima.