Si terranno domani i funerali di Gianpaolo Careddu, l’ingegnere 48enne impiegato con l’Enel che ha perduto la vita nel terribile incidente di martedì scorso in A12, tra Deiva Marina e Sestri Levante. Careddu era originario proprio di Sestri, figlio di Salvatore, per molti anni comandante della caserma dei Carabinieri della Città dei due Mari. Le esequie si terranno a Genova nella chiesa parrocchiale di Santa Teresa del Bambin Gesù, e la salma sarà poi nel primo pomeriggio accompagnata al cimitero sestrese.

Proseguono nel frattempo, come riporta il Secolo XIX, gli accertamenti sulle dinamiche ed eventuali responsabilità dell’incidente mortale: l’auto in cui Careddu viaggiava assieme a un collega è stata infatti travolta da una betoniera mentre era in coda a causa di un precedente incidente che aveva rallentato il traffico autostradale. Secondo i primi accertamenti la betoniera non avrebbe in alcun modo accennato a frenare, e sono in corso verifiche sul cellulare dell’autista per verificare se questi, distratto proprio dal telefono, non si sia per tal ragione accorto di star piombando a gran velocità su una coda di macchine pressoché ferme.