Un servizio coordinato di controllo da parte dei carabinieri ha portato a diverse denunce nel Levante per omissioni ed illeciti nella detenzione di armi. A farne le spese un 75enne di Tribogna, pensionato, che non aveva comunicato il cambio del luogo di detenzione di un fucile automatico, che teneva in un appartamento disabitato. Egualmente nei guai un imprenditore 73enne che, come risultato dai controlli dei militari dell’Arma di Recco, aveva analogamente omesso la comunicazione per ben sette armi da fuoco.

A Castiglione Chiavarese in seguito ad un controllo dei carabinieri di Casarza è invece stato trovato con addosso un coltellaccio da cucina un disoccupato 42enne: per lui denuncia per porto ingiustificato di coltello.