La Polizia di Stato nei giorni scorsi ha confiscato nelle province di Genova e Milano beni di soggetti ritenuti appartenenti alla ‘ndrangheta calabrese ma da anni residenti in Liguria.

L’operazione della Polizia di Stato

I soggetti individuati sarebbero coinvolti in reati di usura, estorsione, esercizio abusiva attività finanziaria e traffico di stupefacenti, oltre che nell’investimento di denaro di provenienza illecita con la conseguente intestazione fittizia di beni e società.

Nel corso delle indagini dell’attività denominata “I Conti di Lavagna”, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Genova, la Squadra Mobile di Genova aveva già tratto in arresto otto persone ed eseguito misure cautelari a carico di altre tre persone. Gli ulteriori accertamenti sulle proiezioni e gli interessi economici della ‘ndrina RODA’-CASILE nella provincia di Genova avevano consentito di individuare nuovi investimenti, sia immobiliari che in attività economiche nel settore delle videolottery, realizzati dall’uomo di fiducia del capo della struttura territoriale di ‘ndrangheta denominata “Locale di Lavagna” che era stato successivamente tratto in arresto unitamente ad altri tre fiancheggiatori.

Gli accertamenti di carattere patrimoniale realizzati dalla Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile di Genova e coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Genova hanno consentito al Tribunale di Genova – Sezione Misure di Prevenzione di emettere il provvedimento di confisca di tutti i beni immobili, autovetture di grossa cilindrata, conti correnti e deposito titoli in disponibilità degli affiliati alla ‘ndrina RODA’-CASILE operanti in provincia, oltre al sequestro delle imprese gestite dagli stessi affiliati tramite vari prestanome a loro collegati da vincoli di parentela.

Leggi anche:  Lavagna, denunciato ragazzo con tre grammi di hashish

I sequestri:

In particolare sono stati confiscati tre immobili commerciali di cui due siti a Lavagna (GE) e uno a Sestri Levante (GE); cinque appartamenti di cui uno sito nel centro di Milano, tre a Lavagna (GE) e uno nella “baia del silenzio” di Sestri Levante (GE); due box siti uno a Milano e il secondo a Lavagna (GE); due magazzini siti nella via centrale di Sestri Levante (GE); un’impresa individuale attiva nella ristorazione sita nel centro di Sestri Levante (GE), una società attiva nel settore delle videolottery e una partecipazione in una società attiva nel settore delle scommesse con sede a Lavagna (GE), cinque autovetture di cui due di lusso e, infine, una ventina di rapporti bancari attivi. Complessivamente la confisca riguarda beni per un valore stimabile superiore a 3.000.000,00 di euro.