Inseguimento spettacolare a Cavi di Lavagna: i carabinieri danno la caccia a due scippatori in auto e a piedi.

Inseguimento a Cavi

«Sulle strade di Cavi di Lavagna»: non suona certo avvincente come su quelle di San Francisco, eppure quelle a cui hanno assistito ieri sera turisti e residenti sono state scene da telefilm, con inseguimenti a piedi e in auto. La caccia da parte dei carabinieri della stazione di Sestri era rivolta a due scippatori: il colpo messo a segno proprio a Sestri ai danni di un anziano, a cui i due hanno sottratto una catenina, prima di darsi alla fuga in auto, su di un SUV bianco che risulterà essere anch’esso rubato. Questi vengono poi in serata individuati proprio a Cavi, su segnalazione di un residente a Barassi, e scatta la mobilitazione dei militari, che approntano posti di blocco e poi si gettano all’inseguimento con molteplici gazzelle. Inseguimento che proseguirà poi a piedi, raccontano i testimoni, che hanno visto le squadre di carabinieri scendere – arma in pugno – sino in spiaggia, dopo che uno dei due malviventi era riuscito a proseguire la fuga in seguito al fermo del suo complice. Il fuggitivo, infatti, era riuscito a sottrarsi all’arresto dopo che le forze dell’ordine avevano bloccato il fuoristrada in un parcheggio pubblico a due piani nei pressi di Cavi Borgo: lanciandosi dal primo piano e dandosi alla fuga a piedi.

Mentre la caccia all’uomo dunque prosegue (ormai meno rocambolescamente, affidandosi nuovamente alle riprese dei sistemi di sorveglianza), arrivano le prime informazioni circostanziate sull’arrestato: un cittadino cileno di 27 anni, sinora del tutto sconosciuto a polizia e registri italiani. L’auto utilizzata nel furto era stata a sua volta rubata a Voltri: dopo gli accertamenti del caso sarà restituita alla sua legittima proprietaria, una ragazza genovese.