Cacciatore denunciato per aver abbattuto una tordela in Valtrebbia: il provvedimento spiccato dai Carabinieri Forestali di Montebruno.

Tordela abbattuta in Valtrebbia, denunciato un cacciatore chiavarese

È un chiavarese di 48 anni l’uomo denunciato dai carabinieri della Forestale per aver cacciato una tordela, uccello della famiglia dei turdidi, inserito fra le specie protette (seppur a relativamente basso rischio di estinzione). L’abbattimento, ha reso noto ieri l’ANSA, è avvenuto all’interno dell’azienda faunistica di Montarlone, a Rovegno in alta Valtrebbia, dove la caccia è permessa ma ovviamente nei limiti e solo alle specie regolate dalle leggi sulla caccia. I Carabinieri Forestali della stazione di Montebruno hanno sequestrato il fucile del cacciatore ed il corpo del volatile, spiccando la denuncia per il chiavarese: questi avrebbe tentato di giustificarsi sostenendo di aver sparato alla tordela per errore. Vero è che questa e comune tordo bottaccio si assomigliano molto, morfologicamente, ma la prima è di dimensioni assai maggiori: in ogni caso la giustificazione non regge poiché è responsabilità di chi ha il permesso e l’abilitazione alla caccia saper riconoscere le diverse specie animali per le quali è permesso, o proibito, l’abbattimento, hanno sottolineato i militari.