L’autopsia effettuata ieri sul corpo di Marina Fabbri all’ospedale San Martino di Genova non chiarisce i dubbi. Occorreranno una trentina di giorni per ottenere il risultato degli esami specifici. I carabinieri della compagnia di Chiavari, indagano sulla morte della 75enne avvenuta una settimana fa nella sua casa a Lumarzo dopo un litigio con la ex nuora. A darne notizia l’edizione odierna de Il Secolo XIX.

Marina Fabbri è morta una settimana fa nella sua casa di Lumarzo

Secondo quanto appurato dai militari, la 22enne sarebbe piombata a casa dell’anziana perché aveva visto l’ex convivente e il figlioletto di 11 mesi in compagnia della nuova fidanzata di lui. La ragazza si sarebbe chiusa nella stanza con la donna che aveva il nipotino in braccio, e avrebbe iniziato a litigare. Il figlio e il marito avrebbero sentito le urla e dopo alcuni istanti un tonfo. Quando sono entrati in camera hanno trovato la ragazza con il piccolo in braccio e la donna a terra morta. La giovane avrebbe raccontato che l’anziana sarebbe caduta mentre lei era girata e stava uscendo dalla stanza. Due le ipotesi al vaglio degli inquirenti: o la donna, con problemi cardiaci, potrebbe avere avuto un malore in seguito al litigio oppure potrebbe essere caduta perché la ex nuora le avrebbe strappato dalle braccia il piccolo facendole perdere l’equilibrio.